GeorgeBoyter

Sette domande a George Boyter

Artista scozzese, specializzato in watercolour, è stato direttore creativo in importanti agenzie pubblicitarie : Leo Burnett , Ogilvy e Publicis, sempre a Londra

George Boyter è un grande  appassionato di auto. Competente e attento . Amante dell’Italia, dove viaggia ogni anno, senza aver mai imparato una parola di italiano,  come  dice lui, ma chissà se credergli …

Tutto ciò simpaticamente molto inglese ( compresa una  traduzione dell’intervista  da lui realizzata, molto letterale )

Grazie George !

1 La tua prima auto: un souvenir

Alfa Romeo introdusse la Alfa Sud 1.3Ti con una speciale  verniciatura interamente bianca al Salone di Ginevra nel 1983.

Leggo su Autocar che, dopo lo show, l’auto è stata restituita al quartier generale dell’Alfa Romeo in Edgeware Road a Londra, quindi ho telefonato al numero .

Mi è stato comunicato che l’auto  era stata danneggiata scendendo da una rampa del camion di trasporto ed era parcheggiata nel retro del garage. Ho chiesto se fossero disposti a vendere l’auto

Così ho preso un treno per Londra e quando sono arrivato ad Alfa HQ l’auto era stata riparata e sono tornato in Scozia da un giorno all’altro, un sogno.

Da allora ho posseduto molte macchine, ma quella che amo ancora è la mia prima Alfa.

2) Inviti a cena uno o più piloti di F1. Con chi ti piacerebbe cenare?

Il pilota  con cui mi piacerebbe cenare è l’impareggiabile, l’immortale, l’invincibile Tazio Nuvolari.

Gli exploit di Nivola hanno costruito l’immagine  pubblica di un pilota – un coraggioso temerario che non si sarebbe mai arreso, che possedeva un’abilità sovrumana, le cui imprese sono così eccezionali da scivolare nella leggenda e creare la storia romantica del motorsport.

Lui è il più grande.

In  compagnia di Tazio vorrei invitare un uomo che è partito come un pilota formidabile, ma che è diventato il fondatore della più grande scuderia e casa automobilistica di sempre: Enzo Ferrari.

Servirei spaghetti alla carbonara con una bottiglia di Lambrusco,  avendo  letto una volta che questo era il piatto preferito de Il Commendatore!

La sede sarebbe stata la sala da pranzo della casa – “La Ronchesana” –  in cui nacque Tazio, questo grande edificio cupo situato, permanentemente chiuso, appena fuori Castel D’Ario, vicino a Mantova.

Una connessione triste, ma romantica al suo passato.

Sono seduto e li ascolto  che ricordano, discutono e inventano, confermano o negano le incredibili storie che sono state raccontate sui loro successi.

Infine inviterei Mario Andretti. Mario è un grande pilota di fama, un Campione del Mondo, un favorito di Enzo Ferrari e un vincitore del favoloso Indianapolis 500.

Tazio avrebbe parlato di Rosemeyer. Enzo avrebbe parlato di Fangio, Moss e Villeneuve. Mario avrebbe parlato di Clark e Senna.

Che festa!

Quindi la grappa …

3) La tua strada preferita, c’è una strada che ti piace di più?

C’è un pezzo di asfalto che mi fa venire i brividi alla schiena – il Nurburgring Nordschleife. L’ho percorso molte volte su auto diverse, ho iscritto la mia BMW E30 M3 e ho passato una settimana ad imparare il tracciato con la Scuderia Hanseat Driving School.

È super emozionante, super soddisfacente e mega pericoloso. Ogni volta che ho guidato lì ho capito quanto sia più pericoloso di quanto immaginassi, ma è un circuito davvero avvincente.

4) Un viaggio che vorresti ripetere, o che vorresti fare …

Ho guidato alcune sezioni della Mille Miglia – Passo di Raticosa, Passo di Futa e Colline di Radicofani. Mi piacerebbe guidare l’intero percorso come tributo a Stirling Moss e alla sua incredibile vittoria nel 1955.

Avrei scelto di guidare la strada, in gara con Alfa Giulia GTA preparata .

5) Un pittore che vorresti invitare per un viaggio insieme

Mi piacerebbe vedere un po’ di Australia con il più grande artista “water colour” vivente – Joseph Zbukvic.

Lui è un amante delle auto e guida una bella Triumph TR3. Abbiamo la stessa età e io avrei la possibilità di ascoltare la sua saggezza e osservare la sua incredibile tecnica pittorica.

6) Una macchina nei tuoi sogni …

La Bugatti Type 57SC Atlantic. Da ragazzino volevo essere uno stilista di auto più che un calciatore. Molte, molte macchine hanno ispirato  la mia immaginazione ma nessuna più del capolavoro visionario di Jean Bugatti.

7) In questo momento della tua vita … hai la possibilità di fare un viaggio nel tempo.

Preferiresti un biglietto per il passato o per il futuro?

Viaggiare indietro nel tempo certamente – agli anni Trenta – il periodo d’oro di Ettore Bugatti. È un periodo pericoloso e inquietante in Europa, ma un tempo affascinante e innovativo nella storia dell’Arte e dell’Automobile.

Potrei avere la fortuna di vedere una delle favolose Bugatti Royales scivolare sulla piazza acciottolata di Place de l’Hôtel de Ville a Molsheim, o guardare Marcel Duchamp che gioca a scacchi al Marshall Chess Club di New York, mentre si prende una pausa di lavoro, dal  suo capolavoro, The Great Glass.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *