Jose-Prieto

Sette domande a Josè Prieto

Josè Prieto è uno spagnolo elegante e appassionato, anzi un madrileno; ha fondato una società che ha un nome evocativo : “smile brand”, e il sorriso è la sua caratteristica peculiare, di mestiere fa il pubblicitario e si occupa di brand.

Ha una prole numerosa, da un primo e un secondo matrimonio, e tutti convivono amabilmente .

E’ spiritoso, accattivante e come tanti spagnoli ha  la famiglia al centro delle sue attenzioni, come scopriamo anche dalle sue risposte.

1) La tua strada preferita, c’è una strada che ti piace di più?

Immagina questo: stai guidando un’auto sportiva convertibile in una strada vicino al mare. Stai ascoltando la musica che senti come … diciamo Nina Simone. Tua moglie è con te e stai andando in un posto meraviglioso per trascorrere un weekend incredibile. Sono le 7 di sera e ti stai godendo 26º. Ora, c’è qualcosa di meglio a cui puoi pensare?

2) Un viaggio che vorresti ripetere o che vorresti fare … 

Oltre alla risposta che ho dato prima, adorerei trascorrere delle vacanze noleggiando un’auto a Barcellona e lasciandola a Roma. Sono più o meno 1.400 km. Guiderò 200 km al giorno e trascorrerò 15 giorni durante l’intero viaggio. La Spagna, la Francia e l’Italia guidando attraverso luoghi fantastici e scoprendo differenze e somiglianze tra paesi vicini. Cultura, gastronomia, lingue, persone … Wow, vuoi venire con noi?

3) Preferisci guidare o essere un passeggero? 

Non stai scherzando, vero? Uno dei migliori sentimenti che puoi provare è quando stai guidando un lungo viaggio con la tua famiglia e tutti si addormentano mentre tu continui a guidare. Ragazzo, è qualcosa di incredibile! Nel mio caso, doppio incredibile perché ho 5 figli! Quindi quando il silenzio, la strada, la macchina e io ci sentiamo insieme … è qualcosa che amo. Ero solito guidare una decappottabile. Ora guido un quasi autobus. Ma non si tratta di ciò che guidi. È ciò che senti e pensi mentre sei in viaggio.

4) Una gustosa pausa in auto, un ricordo 

Questa è una storia divertente. Ricordo che stavo tornando a casa con la mia famiglia e ho deciso di fermarmi per pranzo. Non volevamo che fosse una sosta veloce, ma rilassante. Quindi cercammo un bel ristorante dove poter pranzare alla grande. Alla fine abbiamo deciso e fatto una prenotazione vicino a Valladolid, a 200 km da casa nostra. Ricordo che nel menu c’erano agnello e maiale, due motivi interessanti per fermarsi lì. Abbiamo anche visto filetti impanati per i bambini e abbiamo pensato “questa è una buona opzione per loro”, quindi abbiamo ordinato. Il cameriere ci ha detto che avevano finito i filetti impanati. L’opzione 2 era agnello. Non lo avevano. L’opzione 3 era baby maiale. Non avevano neanche quello. Ho chiesto “Quindi cosa hai?” “filetto tenero e un po’ ‘costoso”. Mio figlio maggiore, ha detto “Voglio uno di quelli” E dato che era quello che avevano, lo ordinammo per tutti noi. Quando mio figlio stava assaggiando il “filetto tenero e un po’ ‘caro” disse: “Papà, il mio preferito era il filetto impanato. D’ora in poi, sarà “il filetto tenero e un po’ costoso” Ho riso molto.  E oggi, mi assicuro che abbiano impanato i filetti prima che ci fermiamo.

5) Qual è l’immagine delle auto italiane in Spagna?

Cosa sarebbe l’Italia senza la Ferrari? La Ferrari è l’Italia. Ma è anche un sogno. Un sogno che tutti sognano da quando siamo nati e fino all’ ultimo giorno. Non c’è età per la Ferrari. Non importa se hai abbastanza soldi o meno, tutti lo desiderano allo stesso modo. È molto più di un’auto. È una sensazione “WOW”. Un sorriso in faccia.  C’è la Ferrari. E poi hai le altre macchine.

6)  Il circuito che ti piace di più

Forse non quello che mi piace di più, ma quello che ho fatto più volte e adoro farlo: Monaco. Non è che senti la velocità, ma se fai uno sforzo e sogni duro, puoi sentirti un pilota di Formula 1.

7) Vorresti essere un passeggero di … 

Mio padre, senza dubbio. Adesso posso ancora farlo, ma adorerò essere sempre suo passeggero. Ricordo sempre che mi insegnava delle cose quando guidavamo, ed ero un ragazzino. Così tanti ricordi… Se dovessi sceglierne uno diverso, dirò i Beatles, Frank Sinatra, Nelson Mandela e, ovviamente, Il Papa.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *