valentino

Torna il “Gran Premio Parco Valentino”…ma non al Valentino!

Rinasce il Gran Premio Parco Valentino, che era stato abolito per beghe politiche tra gli organizzatori e i politici torinesi. http://autologia.net/milano-si-prende-anche-prossimo-salone-dellauto-parco-valentino/

E’ senza dubbio una bella notizia, peccato che il gran premio del VALENTINO non si terrà al Valentino di Torino (famosa nel mondo come Capitale italiana dell’automobile), ma, come se fosse una gita, sulle sponde del lago Maggiora tra Arona e Novara…alla faccia del “GRAN PREMIO”; chissà cose ne direbbe Alberto Ascari…

Forse gli organizzatori si sono montati la testa e si sono ispirati ai loro colleghi organizzatori della mitica Parigi-Dakar che si corre ovunque, addirittura in Sud America, meno che sul percorso dell’originale Parigi-Dakar.

Tant’è !

E’ evidente che dietro questa storia, che preferiamo definire “ridicola”,  piuttosto che “tragica”, ci sia la “maledetta politica”. Fuori la giunta pentastellata torinese, dentro la coalizione di destra che governa la regione Piemonte. E così, durante la presentazione alla stampa, che si è tenuta proprio nel locali torinesi della Regione Piemonte, abbiamo sentito una sfilza di dichiarazioni per lo meno, come abbiamo detto, “ridicole”,  un “arrampicarsi ai vetri” degno del peggior politichese.

A nostro avviso, fra tutte, la dichiarazione più divertente è quella di  Piergiorgio Re – Presidente Comitato ACI Piemonte “L’Automobile Club Torino ha sempre supportato con entusiasmo le iniziative a favore dell’automobile che ribadiscono il ruolo fondamentale della città di Torino in questo settore”. …appunto, allora andiamo a Milano, Monza, Arona , Novara !

Ecco qua sotto le parole integrali dei protagonisti di questo teatrino, giudicate voi!

 

Andrea Levy – Presidente Milano Monza Motor Show “Il Gran Premio Parco Valentino da sempre ha rappresentato l’anima dinamica, glamour e culturale in grado di raccontare la storia dell’automobile attraverso i modelli scelti dagli equipaggi partecipanti. Sono molto felice che la sua 6a edizione entri nel calendario di Milano Monza Motor Show unendo Arona e Novara, città splendide e ricche di storia e di monumenti, naturalmente collegate alla vicina Lombardia da una strada suggestiva che costeggia la zona dei laghi e che arriva a Monza, perla della Brianza, e al suo Autodromo, Tempio della Velocità e sede di Milano Monza Motor Show. Ringrazio la Regione Piemonte e tutte le istituzioni che hanno fortemente voluto la realizzazione di questa parata di collezionisti, collaborando in sinergia affinché potesse organizzarsi e realizzarsi”.

Alberto Cirio – Presidente Regione Piemonte “Siamo felici di poter ospitare il Gran Premio Parco Valentino perché per noi è fondamentale innanzitutto mantenere il legame con un evento che è nato nella nostra regione e che vede in questo territorio la capitale italiana dell’automobile. Sarà una occasione per attrarre migliaia di appassionati lungo un percorso di grande bellezza e suggestione che valorizza e racconta luoghi come Arona e Novara, città incastonate in un patrimonio di eccellenza ambientale, paesaggistica, storica e culturale.”

Andrea Tronzano – Assessore al Bilancio Regione Piemonte “Torino e il Piemonte rappresentano la storia dell’Auto e anche il futuro di questo comparto strategico dell’economia regionale. La vocazione per i motori da sempre è nel DNA dei piemontesi e questo evento non farà altro che rafforzare questo legame indissolubile, oltre a essere una vetrina sportiva di tradizione e di passioni. Un plauso agli organizzatori che regaleranno al Piemonte la magia di questo Gran Premio Parco Valentino”.

Matteo Marnati – Assessore all’Ambiente Regione Piemonte “Questa è una occasione per mantenere viva l’immagine di Torino e del Piemonte nel settore manifatturiero dell’auto. Purtroppo scontiamo il fatto di avere perso il salone e per questa ragione l’appuntamento assume il significato di mantenere alta l’attenzione non soltanto per quanto riguarda il passato ma per il futuro di questo settore strategico”.

Alberto Gusmeroli – Sindaco di Arona “Siamo estremamente onorati e orgogliosi di poter prendere parte a questo grande gioco di squadra, in cui una manifestazione storica come il Gran Premio Parco Valentino, toccherà insieme a Novara e Monza la nostra Città, abbracciando in qualche modo tutto il Lago Maggiore, e permettendole di avere la visibilità che merita fra le bellezze della nostra cara Italia. Sarà l’occasione per ammirare delle automobili che hanno fatto la storia del nostro Paese, immersi in un contesto naturale lacustre unico”.

Alessandro Canelli – Sindaco di Novara “Novara accoglierà nel mese di giugno il tour Piemonte – Lombardia del Gran Premio Parco Valentino. Un evento che, ne siamo certi, riscuoterà grande successo. Duecento auto da Arona raggiungeranno Novara, facendo tappa nel cuore della città, al Castello dove si potranno ammirare vere e proprie supercar, prototipi particolarmente elaborati e auto classiche di pregio. Una passerella che unisce Piemonte e Lombardia con partenza da Arona, passaggio e sosta a Novara e ripresa fino a Monza dove si conclude la sfilata”.

Gianmarco Giorda – Direttore ANFIA “ANFIA conferma anche quest’anno il patrocinio ad una manifestazione che ha saputo, fin dalla prima edizione, mettere al centro le eccellenze della filiera automotive, protagoniste di una soluzione espositiva innovativa e di una varietà di eventi attrattivi anche per la platea dei cittadini e degli appassionati. La nostra Associazione ha partecipato, in questi anni, con le aziende del Gruppo Carrozzieri e Progettisti, espressione del know-how italiano in materia di car design ed engineering, radicato, in particolare, nel distretto del Nord-Ovest. Siamo quindi entusiasti di prendere parte anche a questa edizione rinnovata dell’evento, certi che si configurerà come contenitore ideale per presentare le numerose innovazioni dell’industria automotive italiana”.

3 commenti
  1. Alex
    Alex dice:

    Mi uniscco al pensiero di Franco! Ma del resto, sono le voci fuori dal coro che hanno sempre fatto la differenza! 😉

  2. Marco
    Marco dice:

    CHe pena vedere la capitale ma anche la regione dell’automobile italiana in questa situazione che alla fine andra contro il turismo e il nome del Piemonte e ovviamente contro la storia.
    intanto proprio oggi è comparsa la notizia dell’auto-aumento di stipendio della giunta leghista del Piemonte di “solo” 1000 euro al mese… Si vede che stanno lavorando bene eh..

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *