201143047-efbb215e-ed51-41d4-b7cf-1bf383bc4db2

Bologna, abbattuta la storica sede Maserati. Ira di Italia Nostra: “Uno scempio”

Nello stesso giorno in cui il premier Matteo Renzi e Sergio Marchionne provano a rassicurare lavoratori e sindacati sul futuro dello stabilimento modenese della Maserati, a Bologna, città dove la mitica casa del Tridente è nata nel 1914, scoppia il caso della vecchia fabbrica sulla via Emilia, che è stata demolita in questi giorni per far posto ad appartamenti. A denunciarlo con una lettera al sindaco Virginio Merola sono Italia Nostra, l’Associazione per il Patrimonio archeologico industriale e il Comitato Bologna storico-artistica, che accusano Comune e costruttore di non aver rispettato gli accordi presi nel 2014 per la salvaguardia di quanto era rimasto dello stabilimento dove nacquero i primi modelli da gara Maserati, tra il 1919 e il 1939.

“La targa commemorativa che forse verrà affissa sulla nuova palazzina di certo non porrà rimedio alla scomparsa di una significativa testimonianza della nostra identità“, lamentano le associazioni. Il Comune e l’impresa di costruzioni, la Pavirani, minimizzano: “Rimaneva in piedi solo una piccola parte della fabbrica, due muri verranno ricostruiti con i materiali originali”. Nell’edificio eretto tra Ottocento e Novecento a Pontevecchio, oggi via Oretti, i fratelli Maserati decisero di spostarsi quando la sede di via Pepoli diventò troppo piccola. Scelsero dunque questa fabbrica sulla via Emilia dove rimasero fino a quando non si trasferirono definitivamente a Modena, e questi spazi vennero occupati e ampliati da un’altra azienda bolognese, la Cattabriga, che produce macchine per gelato. Qualche giorno fa, sul posto dove sono da poco cominciati i lavori per la costruzione di tre palazzine, la sorpresa. “Le ruspe hanno completamente e irrimediabilmente distrutto l’edificio – attaccano le associazioni – Un indegno epilogo per le celebrazioni dei 100 anni dell’azienda”. Comune e Pavirani frenano. “Della fabbrica rimaneva in piedi ben poco ed era pericolante – spiega Francesca Pavirani, titolare dell’impresa – Abbiamo salvato gli elementi di pregio e li ricostruiremo in loco con i materiali originali. Non c’era nessun vincolo e nemmeno la Maserati, da noi contattata, era interessata”. (di Marco Bettazzi – tratto da Repubblica.it/Bologna)

 

2 commenti
  1. Renato Ronco
    renato ronco dice:

    Se già è spiacevole demolire la storia per far spazio alla modernità è sconvolgente il contenuto della frase finale della notizia e cioè che ” nemmeno la Maserati, da noi contattata, era interessata”! Questa parte è davvero vergognosa e spiega tutto….

  2. Renato Ronco
    Renato Ronco dice:

    Se gà la cosa è spiacevole ( il sacrificio della storia per far spazio alla modernità) la frase più sconvolgente è quella della impresa che che riferisce “nemmeno la Maserati da noi contattata era interessata”! E questo spiega tutto.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *