tropeafca

FCA/PSA: ce n’est qu’un début

Le obiezioni di quanti hanno protestato, dai sindacati a qualche politico, per il fatto di non essere stati informati del negoziato che ha portato all’accordo tra FCA e PSA non hanno alcun senso e a ben vedere denunciano soltanto la inadeguatezza – sempre che non ci sia una dose di furbizia che non manca mai nei comportamenti italici – di quanti pensano che sia prassi normale e soprattutto possa avere successo un’operazione del genere rendendola pubblica in fase di discussione tra le parti interessate.

Italiani e francesi hanno agito com’era loro diritto fare, raggiungendo un risultato che altrimenti avrebbe potuto incontrare chissà quanti ostacoli e forse anche finire in un nulla di fatto come è già accaduto altre volte e accadrà ancora. Ma un conto è rendere pubbliche le intenzioni quando sono ancora tali e un altro conto è far sapere che cosa si vuol fare una volta superato questo primo step oltre il quale il discorso non può essere tenuto nello stretto perimetro dei rapporti tra FCA e PSA, ma deve coinvolgere altri soggetti che a vario titolo sono coinvolti, dai lavoratori alle istituzioni che operano nei territori in cui i due gruppi sono presenti.

In questa prospettiva occorre partire dalla consapevolezza che l’accordo di cui si parla ha caratteristiche diverse dai tanti altri realizzati nel settore automotive a livello internazionale. A cominciare da quello tra Fiat e Chrysler che, come si ricorderà, è nato dall’urgenza e dal bisogno di due aziende in crisi di assicurarsi una sopravvivenza inseguendo una dimensione di sicurezza che nessuna delle due aveva e che non è stata raggiunta neppure dopo la nascita di FCA. Ma il punto che rende indispensabile conoscere la strada che il nuovo colosso dell’auto intende percorrere è un altro e riguarda non solo la vicinanza geografica tra Fiat e PSA, secondaria in un mondo globalizzato, quanto la produzione e i mercati dei due gruppi. Questo primo chiarimento è di fondamentale importanza perché serve a disegnare la nuova mappa del maxi gruppo con dentro la divisione delle produzioni, la sua definizione, gli obiettivi, i luoghi dove tutto questo si potrà fare. Si sbaglierebbe a pensare a una somma pura e semplice di quanto esiste già e certo non sono così ingenui e approssimativi a pensarlo i vertici societari di FCA e PSA. Ecco perché, al di là degli affrettati commenti, entusiastici o critici, si dovrà attendere il superamento di questo secondo stadio per un giudizio più ragionato sul quarto gruppo mondiale dell’automobile. Un passaggio che non dovrà avvenire in tempi lunghi e dovrà dissipare ogni dubbio se non si vuole andare incontro a sorprese e non si vogliono alimentare cattivi pensieri sulle reali finalità della grande fusione.

2 commenti
  1. Luca M. Apollonj Ghetti
    Luca Apollonj Ghetti dice:

    …………………..”NON SONO COSI’ APPROSSIMATIVI A PENSARLO I VERTICI DI FCA E PSA”………….
    Temo che coloro che d’ora in poi dovranno pensare saranno soltanto i vertici di PSA.
    FCA è una forza con un azionariato ormai fortemente frammentato tra quel che resta della famiglia più discussa e discutibile d’Italia.
    Quel che a me pare certo è che l’Italia non ha più una industria automobilistica come avvenuto già da tempo in Inghilterra. Di chi è la colpa (o il merito visto che per molti l’auto è il male assoluto) ? Ai posteri l’ardua sentenza e per quanto mi riguarda temo si tratti di colpa grave.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *