pwwaafdbk

Quale Casa automobilistica spende di più in pubblicità ?

Il prestigioso settimanale americano Advertising Age, edito da Crain Communications, ha pubblicato la classifica mondiale 2015 dei 100 Brand che investono di più in pubblicità.

Visti i risultati, la nostra espressione non è di stupore come quella del bimbo, di una simpatica pubblicità Ford, qui in copertina. Per quanto riguarda il mondo automotive, infatti troviamo al quarto posto assoluto, e primo nella sua categoria il Gruppo Volkswagen, con una spesa relativa all’anno passato di 6,6 miliardi di dollari, motivata, anche se solo in parte, dall’impegno a recuperare immagine dopo la brutta storia del “dieselgate” di settembre 2015.

Al sesto posto generale e secondo di settore c’è General Motors, con 5,1 miliardi di dollari, solo 100 milioni in più del gruppo Daimler Mercedes, settimo assoluto e terzo di categoria
Più indietro Ford con 4,3 miliardi di dollari e Toyota, con 4,1 miliardi.

L’italo-americana  FCA  si trova al quattordicesimo posto globale, con 3,9 miliardi di dollari, mentre, BMW, è in venticinquesima posizione, con 3,1 miliardi di spesa.

Analizzando i dati per aree geografica, ovviamente risulta che in totale le aziende statunitensi sono quelle che investono di più nel settore automobilistico, con una spesa totale di 115,2 miliardi di dollari, seguite dalla Germania con 28.9 miliardi di dollari.

Rispetto a altri settori merceologici risulta quindi evidente quanto cospicuo sia l’investimento che le case automobilistiche dedicano alla pubblicità. Tantissimi soldi che, anche se in calo costante, spesso permettono la sopravvivenza di giornali cartacei e non, che sarebbero già chiusi se dovessero finanziarsi con le sole vendite al pubblico.

Comprensibile quindi (…o forse no?) l’influenza che le varie Case hanno sugli uffici marketing delle agonizzanti testate giornalistiche e …non solo di quelle specializzate, che ne limita la libertà e quindi l’obiettività di giudizio.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *