Pubblicati da Walter Brugnotti

Automobili e commissari di polizia

Che l’automobile abbia natura e peso differenti nella letteratura poliziesca, noir e di spionaggio, rispetto alla cinematografia dello stesso segno, è ovvio ed evidente. La dimensione dinamica propria dell’auto ne fa spesso una protagonista o coprotagonista cinematografica, come ci è già capitato di raccontare; mentre nel fumetto (vedi la Jaguar di Diabolik e la Ds […]

“Parlami di te”…e del tuo mondo fatto di automobili

A dar retta al sito Rearwindows.it (dal nome così promettente, è il titolo originale di “Finestra sul cortile”) la media delle auto presenti nei films è arrivata a diciotto: presenti a vario titolo, naturalmente, come protagoniste o co-protagoniste, oppure semplici comparse, in corsa su strada e su pista, vere o di fantasia, umanizzate o anonime. […]

Rosalie (…e le altre) a Rétromobile

Per i suoi cento anni, sullo stand di Rétromobile (e nel poster del Salone stesso, con la Traction) Citroēn ha esposto trenta modelli che il “mood” attuale richiede di definire “iconici”. E così sia: in effetti, dieci modelli di serie, dieci concept-cars e dieci auto-racing, tutti carichi di storie, alcune già raccontate su “Autologia”. http://autologia.net/author/walter-brugnotti/ […]

Due bei libri dedicati alla Citroen Mehari

Passeggiando tra più o meno antiche meraviglie su due e quattro ruote, ad Auto e Moto d’ Epoca di Padova ci si poteva imbattere nella Citroen Mehari, che quest’anno, come abbiamo già raccontato su Autologia.net, compie mezzo secolo.  http://autologia.net/il-sessantotto-della-mehari-la-fantasia-al-potere/ In due Citroen Mehari, in realtà: una – color arancio – testimoniava la storia del modello, […]

Auto e pittori

All’Accademia Tadini di  Lovere, sul lago di Iseo, ci si dà appuntamento per incontri musicali di livello e per ascoltare giovanissimi esecutori che sono già molto più che promesse. Ma quest’anno, presso l’entrata che si apre sotto i portici davanti al lago, nella facciata neoclassica,  ci si imbatterà in un incongruo mostro meccanico, accanto al […]

Considerazioni (semiserie) sui nomi delle automobili

Che “nomina sunt consequentia rerum” per il termine “automobile” è (ontologicamente!) vero: quanto ai singoli modelli, qualche volta lo è, ma più spesso è qualcos’altro, che ha a che fare con l’evocativo, l’onirico, insomma al massimo con il verosimile. Tanto per prenderla ancora più alla larga, dare nomi alle cose (e agli animali e alle […]

Auto&letteratura: “La Citroen Dyane, storia dell’auto in jeans”

Varrà ancora la pena di scrivere libri sulle….automobili ?! Con gli scaffali delle librerie specializzate che traboccano di tomi smisurati, tanto sono gremiti di ricerche, interviste, ricostruzioni, dati tecnici di ogni genere ,e testimonianze, all’inseguimento spesso faticoso di verità o mezze verità? Probabilmente sì, se prendiamo atto, per cominciare, che la nostra memoria si è […]

Automobili e cingoli (3^ parte)

Leggi la prima parte di Automobili e cingoli Leggi la seconda parte di Automobili e cingoli Si viveva d’altronde nel cuore dei cosiddetti “anni ruggenti” – ruggenti certamente per le elites occidentali, per  tutto gli altri bastava l’eco – anni che borsa, speculazioni e bolle finanziarie spingevano a tutta velocità. L’ avventure degli autocingolati ne […]

Automobili e cingoli (2^ parte)

Leggi la prima parte di Automobili e cingoli Kégresse sapeva che ormai i suoi investimenti – in titoli russi! – si erano volatilizzati con le fortune dei Romanov. Aveva però ancora il suo brevetto e qualche amicizia, come quella con Jacques Schwob d’Héricourt, rampollo della famiglia per la quale suo padre aveva a lungo lavorato.. […]

Automobili e cingoli

Tra il febbraio del 1917, quando lo Zar Nicola II abdicò, ed il luglio 1918 quando fu fucilato con tutta la famiglia, i fuoriusciti dalla Russia che non attesero Ekaterinburg si contavano già a migliaia. Tra essi un certo Adolphe Kègresse, del quale non sono note le idee politiche, ma è facile arguire dagli incarichi […]

Le automobili e i giornalisti (terza parte)

Le automobili e i giornalisti (prima parte) Le automobili e i giornalisti (seconda parte)   …a Pechino stavano infatti dirigendosi Luigi Barzini dal Giappone ed Edgardo Longoni dall’Italia, inviati dai due più importanti quotidiani italiani dell’epoca, “Corriere della Sera” e “Il Secolo”. Bisogna però intendersi: il raid è certamente uno dei momenti della loro concorrenza, […]