mussa

Sette domande a Giacomo e Renato Pozzetto

Un padre e un figlio ne avranno di ricordi in comune. Di viaggi brevi o lunghi. Di tempo passato insieme. Di sgommate, di code. Di quella volta che… 

Di strade sbagliate e di viaggi felici…ecco come è nata questa intervista doppia.  

Pozzetto, e pensi al comico, che proprio oggi compie 80 anni. Surreale e poetico. In realtà sotto c’è un pilota che ha vinto un Giro d’Italia di categoria  con Riccardo Patrese nel 1978.  Ha corso 3 Parigi Dakar,  ed è arrivato quinto nel 1987 con i camion.

Figlio e pensi al figlio di Pozzetto, e come te lo immagini ? Giacomo è educazione e finezza d’animo. Arguzia.  

Evidentemente la comicità paga, almeno nell’educazione, e ti da un modo diverso e autentico di guardare alle cose. Anche Giacomo è un appassionato di auto.   

1- La vostra prima auto  

RENATO:  una Fiat 500

GIACOMO: una Ferrari F1 per banbini con motore a scoppio…il primo giro lo ha fatto papà per le strade di Laveno Mombello.

2 – Quella volta che Renato  era alla guida e tu a fianco… 

La 1000 MIGLIA negli anni ‘90 con una Lancia Spider America.

3 – Quella volta che Giacomo era alla guida e il padre a fianco…

Allenamento di Scuola Guida primi anni ’80 (avevo circa 10 anni) lungo le strade del giardino di casa sul lago Maggiore con una Fiat Campagnola.

4 – Il  viaggio che vorresti fare con lui e che non hai ancora fatto. 

RENATO: quando Giacomo ha fatto il giro della pista di Monte Carlo con Riccardo Patrese, avrei voluto esserci anch’io.

GIACOMO:   una tappa della Parigi Dakar che mio padre ha fatto per ben 3 volte con auto o camion.

5 –  …e dopo la curva, improvvisamente…

RENATO: sulla super strada Besozzo Vergiate con una Citroen Maserati, dopo una curva c’era un camion che faceva manovra, sono riuscito a passare lasciando lì mezza macchina. Stavo andando sul set de “Lui è peggio di me” con Celentano. Un ragazzo gentile mi ha accompagnato sul set fino a Milano

GIACOMO: non sono riuscito a fare una curva, ero con una Lancia Delta Evoluzione del Club Italia, stavo andando un po’ veloce, sono andato dritto, fortunatamente senza conseguenze.

6 – Parigi Dakar 1987,  un ricordo, una sensazione… 

Tanta fatica, tante emozioni !

7- Tra Cochi e Renato, chi guida ? 

Sempre e solo Renato con le macchine di Renato

mussa 1

1 commento
  1. renato ronco
    renato ronco dice:

    Approfitto di questa tua piacevole intervista per porgere i miei auguri al mio omonimo e coetaneo Renato Pozzetto ricordando qualche GP di Monaco visto insieme all’altro Renato ( Della Valle ), e quella volta in cui al test di una BMW X5 in Sardegna mi regalò una gag di apertura per la mia trasmissione. Sempre di auto si tratta, guarda caso!

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *