Dalle automobili agli aerei: il volo di Walter De Silva con ITA Airways

Il Design è parte integrante della nostra cultura e rappresenta in tutte le sue forme ed espressioni la storia industriale del nostro Paese. E’ un linguaggio, trasversale e universale, che mette in relazione storia, conoscenza e innovazione, laddove processo e metodologia sono sempre presenti indipendentemente dal progetto. Spesso poi si fonde pienamente con il nostro modo di essere italiani e di vivere la bellezza.

Ecco quindi che non ci si deve stupire se Walter De Silva, dopo aver progettato ben 120 automobili, suggellate dalla conquista del “Compasso d’oro” alla carriera, ha deciso di intraprendere una nuova sfida professionale. L’opportunità è stata fornita da ITA Airways che ha chiesto al designer di progettare gli interni della flotta della nuova compagnia aerea di bandiera, che fa del “Made in Italy” l’emblema del proprio ruolo di ambasciatrice dell’eccellenza italiana nel mondo.

Milano Design Week

A testimoniare questa nuova collaborazione è lo spazio in via della Spiga 26 con cui ITA Airways ha deciso di prendere parte alla Milano Design Week 2022, che fino al 12 giugno anima la città con il Salone Internazionale del Mobile e tutte le varie esposizioni del cosiddetto “Fuorisalone”.

Nella prestigiosa location milanese lo spazio esperienziale immersivo dell’hub ITA Airways è, infatti, dedicato proprio alla presentazione del nuovo design dalle cabine.

Il cielo in una stanza

“La cabina di un aereo, come ogni spazio in movimento, è un luogo da condividere che ruota sempre di più intorno ai viaggiatori, entrando direttamente e profondamente nello stato d’animo e nell’umore di ogni singola persona. L’uomo e il suo benessere, sono i protagonisti di questo nuovo progetto” – spiega Walter De Silva. (nella foto con Mario Antonioli)

Per questo motivo, pensando alla permanenza in una angusta cabina di un aereo, magari anche per lungo tempo, De Silva ha pensato ad uno spazio da progettare intorno all’uomo con grande attenzione al comfort, alla sicurezza e all’ esperienza di ognuno. Lo ha fatto prendendo in prestito la famosissima canzone di Gino Paoli “Il cielo in una stanza”, con l’idea di  ricreare all’interno del velivolo  una sensazione piacevole ma coerente con la modalità scelta per un viaggio sopra le nuvole.

Il progetto per ITA Airways è stato guidato dal designer Mario Antonioli, che ha lavorato per rispondere alle indicazioni ricevute da ITA Airways in modo coerente con la brand identity della nuova compagnia di bandiera, con l’obiettivo di mettere in evidenza il “Made in Italy” l’ecosostenibilità e tutte le altre caratteristiche con cui si vuole guardare alla mobilità del futuro.

La sostenibilità dei materiali e la naturalezza dei colori

Bellezza e eleganza, ma anche grande attenzione alla semplicità e al comfort, sono gli ingredienti per trasmettere quella tipica sensazione di essere a casa a chiunque salga a bordo di un aereo di ITA Airways. Tutto ciò ha reso fondamentale la scelta dei colori e dei materiali sostenibili, quali lana e pelle, tenendo però ben presente la complessità tecnica e i vincoli imposti dalla severa regolamentazione aeronautica. Colori blu e sabbia, nelle sue varie sfumature assolutamente naturali, così come l’impostazione dell’illuminazione di bordo che cambia dolcemente, a seconda delle differenti situazioni.

Luci sfumate nei differenti momenti a bordo

Così sono state pensate diverse colorazioni di luce a seconda del luogo e del momento del volo. Colori caldi che con l’intervento di un’illuminazione smart applicata al benessere e al comfort del passeggero durante il viaggio, hanno il compito di rendere piacevole la permanenza a bordo, ricreando una tipica atmosfera mediterranea all’interno della cabina.

Nasce così uno stile senza tempo tutto “Made in Italy” che ha il compito di garantire benessere e comfort a chi sale a bordo di un aereo di ITA Airways in un’atmosfera tutta italiana, fatta di cultura e tradizione, con uno sguardo al futuro basato su innovazione e sostenibilità.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *