Le notizie, le analisi, i giudizi sulla pubblicità dell’auto

mussa19

Sette domande a Nick Gill

Nick Gill è un pubblicitario inglese, “strategic planner” di mestiere, fondatore e socio della agenzia di pubblicità “ Team eleven “ . 

Ha 3 figli, è ironico e serio al tempo stesso, è un professionista del mondo automobile, un cosiddetto car guy. Qui ci  racconta un po’ di Inghilterra, e alla fine non poteva mancare anche un accenno alla Brexit … Continua a leggere...

piccini2

(…altre) Sette domande a Stefano Piccini

Sulle orme di Stefano Piccini:  dopo Cambogia , Vietnam, Indonesia  e Myanmar, oggi siamo nelle Filippine, quinto appuntamento sulle orme del nostro inviato nel Sud Est asiatico, o se preferite Far East.

E’ un diario di viaggio disincantato, in cui la strada è protagonista, e dalla strada si capisce un Paese, si traggono commenti politici, osservazioni antropologiche e sapori di Continua a leggere...

Mussa Mauri 1

Sette domande a Cristina Mauri

Cristina Mauri è un’italiana a Francoforte, una tedesca a Milano. Pubblicitaria per una importante agenzia italiana, è il perfetto esempio di italiana integrata,  che non ha perso però il contatto con il proprio Paese. Degli uni e degli altri vede pregi e difetti. Oggi parliamo, guarda caso, di automobili e attitudini alla guida.

Vediamo cosa pensa una tedesca in Italia … Continua a leggere...

suzukiHyb

I dialoghi di Senofane: “Non ci sono più gli spot di una volta!”

“Eeeeh, non ci sono più gli spot di una voltaaa” dice lui, semi addormentato sul divano davanti alla finale del Festival di Sanremo.

“Sei vecchio, sei vecchio!

Dici sempre le stesse cose come i vecchi, e pensi sempre che le cose di una volta siano meglio di quelle di oggi. In una parola, sei vecchio… e pure noioso!” Risponde lei … Continua a leggere...

mussa reinero

Sette domande a Raffaele Reinerio (seconda parte)

Come abbiamo detto nella prima parte dell’intervista, Raffaele Reinerio è un pubblicitario italiano che vive  a Los Angeles, dove dirige la sede oltreoceano di  una importante agenzia pubblicitaria italiana.

Ha negli occhi le strade italiane ed europee, i nostri usi e costumi automobilistici,  chi più’ di lui può’ raccontarci differenze, anomalie, curiosità, viste con gli occhi vergini e laici di … Continua a leggere...

calif

Sette domande a Raffaele Reinerio (prima parte)

Raffaele Reinerio è un pubblicitario italiano che vive a Los Angeles, dove dirige la sede oltreoceano di una importante agenzia pubblicitaria italiana.

Ha negli occhi le strade italiane ed europee, i nostri usi e costumi automobilistici, chi più di lui può raccontarci differenze, anomalie, curiosità, viste con gli occhi vergini e laici di un italiano di California. Ecco le  sue … Continua a leggere...

Myanmar

(…ancora più di) Sette domande al nostro inviato in oriente. Stefano Piccini dalle strade del Myanmar

1- un’ultima  impressione delle strade del Myanmar 

Triste: buie, sporche e vuote durante la notte. La presenza dei militari e la repressione deve essere ancora nella testa di molti, specialmente a Yangoon.

2- un’ultima  impressione delle auto e dei guidatori

Le auto sono il paradosso più grande del Myanmar. La prima volta che ci sali sopra noti immediatamente che qualcosa … Continua a leggere...

Mussa-Pistorio-1030x773

(…più di) Sette domande a Francesco Pistorio

Ligure ma anche milanese , Francesco Pistorio è un figura atipica nel mondo della produzione pubblicitaria, è stato gestore di una discoteca, reporter, filmaker,  e per hobby anche laureato in scienze politiche.

Socio di “ Mercurio Cinematografica”  http://www.mercurioproductions.com ,  una delle più importanti case di produzione pubblicitarie in Italia.

Del ligure ha il fare un po’ scanzonato e burlone  del … Continua a leggere...

GeorgeBoyter

Sette domande a George Boyter

Artista scozzese, specializzato in watercolour, è stato direttore creativo in importanti agenzie pubblicitarie : Leo Burnett , Ogilvy e Publicis, sempre a Londra

George Boyter è un grande  appassionato di auto. Competente e attento . Amante dell’Italia, dove viaggia ogni anno, senza aver mai imparato una parola di italiano,  come  dice lui, ma chissà se credergli …

Tutto ciò simpaticamente … Continua a leggere...

jeepultra

Incita la Juve con Jeep “Ultraspeech”

È ancora da dimostrare che sia veramente producente abbinare un Brand a una squadra di calcio. Se poi la squadra di calcio è la Juventus, tanto amata, quanto odiata dai tifosi italiani divisi al 50 %, ci chiediamo quanto sia utile al Brand Jeep, comunque già molto forte di suo per i prodotti eccellenti che ha sempre proposto, attirarsi le … Continua a leggere...

montecchio

Sette domande a Lucio Montecchio

Il Financial Times gli ha dedicato recentemente una pagina sul supplemento del week end.

Lucio Montecchio è professore di Patologia Vegetale all’Università di Padova.

È un esperto di alberi, ha un blog Alberi esperti  (www.alberi.blog), dove racconta di relazioni tra uomini e alberi.

È consulente di varie istituzioni internazionali, compresa la FAO, e ha ricevuto molti riconoscimenti a … Continua a leggere...

Paolo-Galetto-2

Sette domande a Paolo Galetto

Disegnatore e visualizer pubblicitario diviso tra Torino e Parigi, acquarellista di paesaggi e volti di personaggi famosi (ricordo un volto di Beckett memorabile) .

Ha lavorato per Vogue , collaborato con  La Stampa, ha vinto un Leone di bronzo al Festival della pubblicità di Cannes .

Personaggio di  valore e sensibilità,  le sue risposte sono tratti di pennello, rapidi e … Continua a leggere...

GuidoMorozzi

(…più di ) sette domande a Virginio Briatore

Virginio Briatore, 1955, Piemonte, è un filosofo del design e un osservatore dei linguaggi contemporanei. Su questi temi ha tenuto seminari e workshop in Italia e all’estero.  Ha pubblicato 11 libri,  oltre 500 articoli, coordinato ricerche e workshop competition per grandi aziende internazionali .  Dal 2007 è consulente per il design e l’estetica di Lavazza spa. Dal 2013 è parte … Continua a leggere...

monalisa2

La Gioconda come testimonial

Originale e coraggiosa la decisione presa da Bmw per dare un tocco ancora più esclusivo alla propria partecipazione a quello che, una volta, era definito il “Mondial de l’Auto“: far traslocare la Gioconda dal Louvre alla luce del sole, anzi alle luci a Led, davanti al Centre Georges Pompidou. Ovviamente si tratta dell’immagine ricostruita del capolavoro di Continua a leggere...