Le notizie, i racconti, i comportamenti del mondo della Comunicazione che ruota intorno all’auto

Alfa_Ferrari_2

Oggi ho ucciso mia madre

Alfa e Ferrari, due marchi e due storie. Prima avversarie, poi sorelle. Il logo dell’Alfa Romeo ben posizionato sul vestito dell’ultima Ferrari nata per correre a Maranello ha aperto cassetti pieni di ricordi. La SF 15-T, la monoposto del 2015 che nello stesso tempo è l’ultima di Montezemolo e la prima di Marchionne, si è presentata con il biscione vicino … Continua a leggere...

giornali

Rassegna stampa, passione e tormento

Il mio rapporto con le forbici e la carta (quella stampata) ha inizio nel tardo pomeriggio di lunedì 16 ottobre 1978. Sono quasi le sette e mezzo di sera e mi trovo diligentemente seduto davanti al Capo Ufficio Stampa del primo Gruppo automobilistico italiano ed europeo (si, sempre quello di Corso Marconi 10), che sta per assumermi nel suo team. … Continua a leggere...

2vino_cambio

L’impunità inaccettabile

Strano Paese il nostro, strane leggi. Se rubi una bicicletta, la prospettiva che ti aspetta è: processo per direttissima e condanna a 1 anno e 6 mesi di carcere. Se invece uccidi qualcuno sulla strada, provocando un incidente perché ti sei messo alla guida drogato o con un tasso alcolemico che supera di 3 volte il limite di legge (significa … Continua a leggere...

2stellina

In memoria dell’Autobianchi e d’altro ancora

A nessuno piace commemorare i fallimenti o comunque le cose che sono finite come non si pensava che potessero finire. Si potrebbe cominciare così oppure con un incipit diverso sintetizzabile più o meno in questi termini: ci fu un tempo in cui se le imprese italiane volevano espandersi, lo facevano senza allontanarsi da casa, con qualche rischio e tanta fantasia. … Continua a leggere...

2tessera_OG

Tu chiamali, se vuoi, giornalisti

Una situazione di cui bisognerà pur parlare visto che ormai va degenerando e che non si registrano interventi o prese di posizione significative da parte dell’Ordine dei Giornalisti pur chiamato in causa da più parti.

Succede infatti, sempre più frequentemente, che alle conferenze stampa, agli eventi, ai lanci di nuovi modelli, ai Saloni Internazionali, si registri un incredibile “fritto misto” … Continua a leggere...

siparlaitaliano

L’infaticabile “signor Presso” soccorritore degli smemorati

Considerazioni sulla mancanza dell’uso delle “preposizioni articolate”. “Apud me” (a casa mia) la consuetudine è diversa da quella dilagante, voi “trapassate oltre senza farvi presso”. Parola del padre della lingua italiana Dante Alighieri.

L’Ospite di Autologia: Renato Cortimiglia.

Vi presento il “signor Presso”. Da tempo diventato il soccorritore instancabile, emulo involontario di Aleksej Grigor’evič Stachanov, usato e abusato da tutti … Continua a leggere...

alfredo stola

La genialità di Alfredo Stola

È un personaggio incredibile Alfredo Stola. Difficile perfino definirlo, con quella personalità multipla da designer-progettista-imprenditore. Di certo pochi hanno per l’auto una passione come la sua, figlia di una tradizione familiare che ha coltivato con un dinamismo coinvolgente. Qualcuno gli diede del pazzo, quando fondò nel 2005 Studiotorino con la moglie Maria Paola e il contributo di Marco Goffi. L’azienda … Continua a leggere...

2stutz_blackhawk

C’era l’auto col visone: la Stutz Blackhawk

Con le recenti abbondanti nevicate ho pensato di riparlare dell’auto col visone. Le vetture di una volta non nascevano dal foglio bianco come adesso. Alcune veramente bizzarre ed estrose erano Il risultato di collage, di ingegno stile Lego. Pochi sanno che una super auto di questo tipo veniva costruita in un ex pollaio di Cavallermaggiore vicino a Cuneo. Strano ma … Continua a leggere...

2quality_test_watertight

Una volta c’era la Kodak

Ed è sparita dalla sera alla mattina.
Una volta erano un centinaio i modelli in vendita, oggi ce ne sono più di seimila.
Una volta quando si andava negli USA c’erano auto grandi e pochissime europee, oggi non è più così. Così come una volta la Cina era il più grande mercato delle bici mentre oggi è dell’automobile.
Una volta, … Continua a leggere...

Panda_cross

Fiat Panda Cross: lo spot è diffamatorio verso Audi

Condiviso da:    www.motori.it.

Fiat dovrà ritirare lo spot con Piero Chiambretti dedicato alla Panda Cross. Secondo il giudice è denigratorio nei confronti di Audi.

Audi batte Fiat in tribunale. Motivo del contendere tra i due marchi è la pubblicità della Fiat Panda Cross, che era stata ritenuta dai tedeschi lesiva dell’immagine e che aveva portato ad un … Continua a leggere...

super_bowl_logo

Super Bowl 2015, costo degli spot in crescita ma spot riusciti in calo

Negli ultimi anni il Super Bowl, l’evento sportivo con la più alta audience televisiva mondiale, oltre 110 milioni di spettatori, ha trovato vasta eco anche in Italia perché il football americano sta raccogliendo molto successo tra i giovani grazie alle trasmissioni in diretta di tutte le principali partite della NFL da parte di SKY.

Ma per gli appassionati di auto … Continua a leggere...

maglietta_Alboreto

La maglietta di Michele

Michele è stato il primo pilota col quale ho lavorato. Colui che ha dato i primi feedback dalla pista alle idee di un giovane neo-laureato, catapultato “pronti-via” nel mondo che seguiva da appassionato, come in un film. Umile, sempre tanto umile e disponibile. Curioso delle metodologie innovative che portavo nel team. Desideroso di capire cosa si celava dietro tutti quei … Continua a leggere...

fontana _trevi2

Com’è difficile comprare un’auto…anche per un giornalista automotive

A me non capita spesso, una volta ogni dieci anni (e non mi riferisco ad attività più o meno riproduttive…) ma capita. Capita di andare in una concessionaria e vedere un modello, chiedere quanto costa, com’è accessoriato e altro ancora. Ebbene sì, anche per uno che lavora nel settore, comprare un’auto non è cosa frequente. Merito delle varie prove stampa, … Continua a leggere...

n hill

Ospite di Autologia: Vincenzo Borgomeo

Commento all’articolo:

Il blog dell’auto per chi la guida, chi ci lavora e chi la racconta

Approssimativo, inaffidabile e fuori dal mondo. Così appare William (Hugh Grant) nel meraviglioso film Notting Hill quando si finge inviato della rivista “Cavalli e Segugi” per intervistare la famosa attrice Anna Scott (Julia Roberts). Una rivista inventata di sana pianta dal finto giornalista per … Continua a leggere...