2Autonoma-Peugeot-Citroen

Da Parigi a Madrid…senza mani

Percorrendo il tragitto Parigi Bordeaux, aveva debuttato il 2 ottobre in occasione del salone dell’auto francese,
Stiamo parlando del prototipo a guida autonoma del gruppo PSA (Peugeot Citroën), che adesso ha invece attraversato la frontiera francese, per percorrere un viaggio di 3.000 km da Parigi a Madrid, passando per Bordeaux, Burgos e Vigo.

Ad accogliere questa vettura sperimentale, il vice primo ministro spagnolo Soraya Sáenz de Santamarίa, che, molto entusiasticamente, ha dichiarato: “Oggi il futuro è già sotto i nostri occhi. Prima ancora di rendercene conto, questo veicolo sarà il normale mezzo di trasporto.”

Chissà se sarà proprio così? Certo è, che quasi tutti i grandi gruppi automobilistici stranieri continuano a investire su questi progetti basati sulla guida autonoma, dimostrando di crederci veramente.

Sulla via del ritorno, il prototipo, basato su una Citroen C4 Picasso, ha attraversato Perpignan, Marsiglia e Lione prima di ritornare al Centro tecnico del Gruppo a Vélizy. La guida autonoma è stata utilizzata per tutto il viaggio sui tratti di strada autorizzati, senza il coinvolgimento del conducente. La vettura ha regolato autonomamente la sua velocità e cambiato corsia per effettuare i sorpassi, tenendo conto della presenza degli altri veicoli, dei limiti di velocità e dell’infrastruttura stradale.

Questo test sulle strade spagnole è anche frutto della collaborazione tra PSA ed il Centro di Tecnologia Automobilistica della Galizia (CTAG), con il quale il gruppo francese ha “lavorato a stretto contatto”.

Il Gruppo francese nel luglio 2015 ha ottenuto le autorizzazioni per effettuare dei test su strada aperta in Francia con quattro prototipi che, finora, hanno percorso più di 10.000 chilometri di prova. Nel 2016 disporrà di una flotta composta da 15 prototipi. L’estensione dell’autorizzazione alla Spagna permette ai ricercatori di sviluppare le funzioni del veicolo con guida autonoma anche su una rete stradale diversa da quella francese.

Li vedremo presto anche sulle strade italiane ?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *