Mussa Ceratto

Sette domande a Massimo Ceratto

Produttore. Socio di Fargo Film, casa di produzione per cinema e pubblicità,  torinese,  appassionato di auto e moto,  ex industriale di costumi da bagno dai marchi famosi, poi diventato da oltre 20 anni produttore di spot pubblicitari.

1- La tua prima auto, un ricordo. 

 

Era il lontano 1969, al mio diciottesimo compleanno ho potuto finalmente guidare la Flaminia coupé di mio nonno che adoravo e che mi aveva lasciato in eredità alla  sua morte nel 1967.

 

2  Un viaggio che vorresti rifare, e con chi. 

 

Nei primi anni ‘70 ho fatto un viaggio meraviglioso al quale ripenso con grande nostalgia con una ragazza, che è poi diventata mia moglie. Siamo andati da Torino a Capo Nord attraversando Svizzera, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia con una moto BMWR75/5 che ho tenuto fino a qualche anno fa. Per arrivare a Capo Nord abbiamo impiegato solo una settimana. Al ritorno, con molta più calma siamo passati dalla Finlandia godendoci lo spettacolo meraviglioso dei fiordi.

 

3 – Inviti a cena dei piloti di F1, di ieri o di oggi… chi vorresti invitare ? 

 

La mia famiglia era amica di Nino Farina, famoso pilota degli anni ‘60. Spesso pranzavamo insieme, lui per me era un mito e mi piacerebbe poterlo invitare oggi e rivivere quelle emozioni.

 

4 – Hai un’auto dei sogni? 

 

Ho collezionato per diversi anni auto d’epoca. Niente di eccezionale, ma fra le altre una Porsche 356 spider mi è rimasta nel cuore e sogno spesso di ricomprarla.

 

5 – Ti piace di più guidare o essere trasportato ? 

 

Senz’altro guidare. Quando sono trasportato non mi sento mai completamente a mio agio e non riesco a non concentrarmi sulla strada e sulle manovre del guidatore.

 

6 – Sei in viaggio, l’auto è in panne e … 

 

Non ho l’animo del meccanico e al massimo so cambiare una gomma. L’auto in panne mi mette immediatamente in uno stato di ansia quindi benedico i numeri verdi e il numero dell’Aci di cui per sicurezza sono socio. Come si dice: cintura e bretelle.

 

7 – Salga Ceratto,  venga con me, te lo ha mai detto qualcuno di importante  ? 

 

Anni addietro girammo uno spot per Telecom con Vittorio Gasmann come testimonial. Ebbi l’occasione di fare un trasferimento dal centro di Roma a Cinecittà con lui. Per me è stata una grande emozione, era l’attore che più ammiravo in assoluto e chiacchierare con lui, che mi aveva invitato sulla macchina che gli avevamo messo a disposizione, rappresenta un ricordo che mi porto dentro con grande tenerezza.

 

 

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *