PininFarina

La modestia di imparare di Pinin Farina

C’è un episodio nella vita di Giovanni Battista Farina – che dal 1961 si chiamò ufficialmente Giovanni Battista Pininfarina – che vale la pena di essere raccontato. Perché dimostra quanto la modestia sia una virtù dei “grandi”.
Dunque Giovanni Battista Farina, chiamato in famiglia Pinin per la sua somiglianza con il padre Giuseppe, si forma ed affina il suo gusto … Continua a leggere...

fabio-filippini

Lo “Stile Pininfarina” all’IQOS Embassy

L’Ospite di Autologia, Luca Gastaldi.

Mercoledì scorso, il concept store iQOS Embassy Torino ha  ospitato un talkshow live dal titolo “Stile Pininfarina”.
Luca Gastaldi, giornalista e storico dell’auto, ha intervistato Fabio Filippini (nella foto), attuale Chief Creative Officer di Pininfarina, per approfondire le tematiche legate al design italiano, non solo quello a quattro ruote.

E’ stato un incontro informale, un … Continua a leggere...

2fattore-K

“Il fattore K”: dalla Lancia Kappa del 1919 al mini robot  Kirobo Toyota

Il pianeta auto annovera molti modelli che hanno un nome che inizia con la lettera K.
Non solo vetture ma anche metodi di costruzione e perfino un mini robot firmato Toyota o ancora filosofie giapponesi, o design hanno coinvolto questa lettera dell’alfabeto.
Passeremo, dunque, in rassegna questa K nelle varie declinazioni di prodotto e di strategie.
Vincenzo Lancia nel 1919 … Continua a leggere...

2testata_grande_unesco

Torino, città del design

Un’inedita logica per impostare un nuovo corso del design torinese. Un’azione dove decisione, spirito di squadra e la “contaminazione” con altri settori dell’economia culturale e industriale torinese possono rappresentare il fattore decisivo per permettere alla città di accedere ad un nuovo modello di sviluppo.
Torino è sempre in movimento: nel corso della sua storia ha sempre interpretato con anticipo e … Continua a leggere...

2Pininfarina

Viaggio nella bellezza disegnata da Pininfarina: dalle auto da sogno agli anni della crisi

Una produzione che ha costruito una bella fetta dell’immaginario collettivo a quattro ruote grazie alla collaborazione con Ferrari, Alfa Romeo, Lancia e tanti altri marchi.

All’inizio erano fuoriserie artigianali, progettate su meccaniche Alfa Romeo, Hispano-Suiza, Lancia e Fiat. Seguirono macchine da culto, da amatori, disegnate o realizzate in serie con i marchi più prestigiosi. Alcune perfino incoronate come opere d’arte, … Continua a leggere...

2spaghettiroma

Fiat 124 Spider american version: donne e motori con italian playboy da strapazzo

Tutto è cominciato con una pillola blu e una Fiat 500 X. Un’idea creativa spiritosa, divertente e simpatica per un’auto in corsa con i tempi dai toni freschi, leggeri e moderni come il carattere del prodotto. Complimenti!

Ma quando le buone idee copiano se stesse devono quasi sempre fare i conti con brutte scivolate e tranelli in agguato. Ed è … Continua a leggere...

2bluefassino

Dopo il boom, la frenata: il “car sharing” ha fatto il pieno

Il fatto che esordirà presto in modalità elettrica anche a Torino, è una notizia interessante. Perché in generale piace ancora, e funziona sempre. Ma è un fatto più che un’impressione che, dopo aver toccato il picco di popolarità e fruizione, la moda del car sharing stia accusando una fase di stallo. L’idea che ha rivoluzionato la mobilità cittadina anche da … Continua a leggere...

2AUTOritratto

AUTOrecensione di “AUTOritratto”

Ospite di Autologia: Enrico Fumia.

AUTOritratto, così scritto, sta a significare due messaggi in un’unica parola: il mio autoritratto professionale attraverso i ritratti delle AUTOmobili da me disegnate. Per questo anche simbolicamente raffigurato dalla metafora grafica di copertina: il mio profilo (autentico) che scaturisce da un mio schizzo (in rappresentanza di tutti quelli presenti e non nel libro).… Continua a leggere...

2fiat124-spider_2015

Le prime immagini “rubate” della nuova Fiat 124 Spider

Sono le prime immagini della nuova Fiat 124 Spider in quella che appare la sua veste ufficiale.
Negli USA è già stata ribattezzata “The Fiata” data la sua derivazione Mazda MX-5.
Il frontale è notevolmente differente con linee più squadrate mentre la parte posteriore si ispira alla storica 124 Spider disegnata da Pininfarina, con gruppi ottici bi-colore orizzontali
La 124 … Continua a leggere...

2Padova

Padova nuova capitale dell’automobile?

Dopo la fine dei saloni di Torino e Bologna, AME 2015 si propone come l’evento leader dell’auto in Italia con la presenza ufficiale di 17 grandi marchi e tutte le più importanti istituzioni delle auto storiche. Il successo del concorso d’eleganza Stelle sul Liston ha confermato la città veneta quale leader per le manifestazioni automobilistiche.
Nata come Fiera per le … Continua a leggere...

2Raduno

“Raid dell’Etna”: biglietto da visita della migliore Italia

Alfa Romeo 2000 e 2600 Touring spider e 1900 C Super Sprint coupé, Ford Thunderbird, Mercedes Benz 190 SL e 300 SL Roadster o 280 Pagoda, Lancia Fulvia Coupé 1300 S o 1600 HF e Beta Montecarlo, le albioniche Jaguar E, Daimler, MG, Triumph TR3A e Austin Seven Mini 850., le Fiat Dino 2400 Spider e più economiche 1100/103 o … Continua a leggere...

2autoepoca

Economia ravvivata anche grazie alle auto storiche

Se i politici ogni tanto ci pensassero… Chi possiede una vettura o motocicletta storica, è un produttore di economia. Non soltanto perché fa lavorare l’indotto per mantenere in ordine il proprio veicolo (o rimetterlo a nuovo seguendo il più possibile metodi e facendo usare materiali dell’epoca), ma perché il proprio mezzo lo deve far girare ogni tanto, specie durante il … Continua a leggere...

Bluesummer

Bluesummer, la cabrio elettrica francese

Si chiama Bluesummer la cabrio elettrica sviluppata dal gruppo Bollorè, che ha messo a punto una intera linea “sostenibile”, fra cui la Bluecar e il Bluetram, che verrà fabbricata da PSA. Bollorè ha già un accordo in corso anche con Renault per la produzione di Bluecar. I marchi francesi (e non solo loro) hanno necessità di aumentare la produttività dei … Continua a leggere...

valentino

Il Valentino ci ha ricordato che l’auto è ancora passione…nonostante “loro”

E pensare che c’è gente che sostiene la fine dell’automobile. Ovvero, basta avere a che fare con queste scatole a quattro ruote maleodoranti e puzzolenti, buone solo per aumentare gli incassi del fisco. Poi ti ritrovi sul viale del Parco del Valentino con una Lamborghini Aventador da 318 mila euro dal colore improbabile e sotto la pioggia vedi genitori e … Continua a leggere...